Cappelli collezione 2013/14 “I mutaforma”

A fine agosto, come l’anno scorso, ho ripreso a fare la cosa che amo più fare all’unicnetto, i cappelli di lana.

Ne ho fatti diversi, ma li devo ancora fotografare, quando lo farò inserirò le foto nella mia pagina facebook qui.

Ma questo modello volevo afrtelo assolutamente vedere, perchè è un Mutaforma, è un cappello double face che si può indossare in 4 modi diversi e anche di più…. eccolo :-)

0CappelloDoubleFaceHat1ShapeshiftersHat2CappelloMutaformaViola3CrochetHatUncinetto4ShapeshiftersHatTi piace? :-)

Quello qui sotto è lo stesso modello, ma in grigio, in pura lana vergine

CappelloMutaformaGrigioCappelloMutaformaGrigioLatoB3CappelloMutaformaGrigioLatoBCappelloMutaformaGrigio4

Il video…. col cappello :-)

Qualche giorno fa ho postato le foto di una mia creazione, “Angoscia col vento” un cappello di scena all’uncinetto, vi ricordate? Il post è questo.

Oggi, come promesso vi spiego perchè è un cappello di scena!

E’ stato realizzato appositamente per il video ufficiale  “Per I Vermi Siamo Tutti Uguali” di Carmelo Amenta, un artista e amico delle mie parti, lo conoscete?

Se si molto bene, mi fa piacere! :-)

Se invece non lo conoscete ve lo presento io! :-)

Signore e signori, ecco a voi Carmelo Amenta:

P.S. Potete vedere il mio cappello al minuto 1:10

La cappellaia folle crea “Angoscia col vento”

Oggi vi parlo del mio grande amore, i cappelli! <3

Il mese scorso (si, ad agosto) ho seguito la mia ispirazione ed ho inizato a crochettare con la lana. Ho creato una dozzina di cappellini in lana, tutti modelli unici, da donna e lavorati con tecniche di uncinetto free form e iperbolico…. presto farò le foto…

… ma questo modello, molto particolare che non c’entra nulla con gli altri, visto che è un “cappello di scena”, ve lo voglio far vedere subito! :-)

La sua storia ve la racconterò appena sarà terminato il video…

curiosi?

Eh eh… dovrete aspettare… ;-)
Ma ora basta parlare…  ecco a voi la mia crea…tura:  “Angoscia col vento

Tutorial cappello unisex all’uncinetto

Oggi vi propongo un mio Tutorial per un Cappello unisex molto semplice e veloce da realizzare!

Come potete vedere dalla foto qui sopra si può portare in due modi, sia più lungo dietro, che un po’ più corto piegandolo sulla testa e formando una fascia. L’ho fatto per un mio amico che però non si è fatto fotografare e allora per fare queste foto, ho appuntato un fiore per renderlo un po’ più femminile ed ho usato la mia modella… lei non si lamenta mai e fa tutto quello che dico io! :-)

Per farlo ho usato la meravigliosa lana che vedete in foto, è morbidissima, abbastanza grossa e lavorarla è un vero piacere!

Ne ho usati circa 150 grammi. Oltre alla lana e all’uncinetto adatto (io ho usato il 5 se non ricordo male) vi servirà pure un ago da lana senza punta.

Prima di partire con la semplicissima spiegazione, sappiate che le catenelle iniziali varieranno a seconda della circonferenza della testa di chi indosserà il cappello, ma anche a seconda della lana che usate, dell’uncinetto che usate e pure… della vostra mano, quindi è inutile dirvi quante catenelle fare! Per determinare il numero esatto di catenelle dovete fare delle prove creando dei campioncini per misurare la resa della lana.

Fate quindi il numero di catenelle che vi servono e chiudete in cerchio, quindi lavorate a spirale come segue:

Il primo giro a punto basso; I restanti giri a punto mezzo alto fino a raggiungere l’altezza di 31 cm, quindi potete spezzare il filo; Attaccate il filo alla parte iniziale, quella a punto basso e fate un bordino tutto attorno a punto gambero.

A questo punto rigirate il cappello dal rovescio, come vedete in foto (N.B. Per ingrandire la foto basta cliccarci sopra!), prendete circa 60 cmq di filo, infilatelo nell’ago e, tenedolo doppio, passatelo a zig zag attraverso le maglie dell’ultimo giro. Tirate il filo ben stretto, annodate le due estremità e date due punti con l’ago per fissare bene il tutto. Affrancate il fili ed il vostro cappellino è pronto!

Se volete potete anche aggiungere un fiore cucendolo direttamente sul cappello oppure fissandolo con una spilla di sicurezza, in modo da poterlo facilmente attaccare e staccare, potendo usare il cappello nelle due varianti di lunghezza.

Buon lavoro! :-)