Cappelli collezione 2013/14 “I mutaforma”

A fine agosto, come l’anno scorso, ho ripreso a fare la cosa che amo più fare all’unicnetto, i cappelli di lana.

Ne ho fatti diversi, ma li devo ancora fotografare, quando lo farò inserirò le foto nella mia pagina facebook qui.

Ma questo modello volevo afrtelo assolutamente vedere, perchè è un Mutaforma, è un cappello double face che si può indossare in 4 modi diversi e anche di più…. eccolo :-)

0CappelloDoubleFaceHat1ShapeshiftersHat2CappelloMutaformaViola3CrochetHatUncinetto4ShapeshiftersHatTi piace? :-)

Quello qui sotto è lo stesso modello, ma in grigio, in pura lana vergine

CappelloMutaformaGrigioCappelloMutaformaGrigioLatoB3CappelloMutaformaGrigioLatoBCappelloMutaformaGrigio4

Uncinetto: Schemi gratuiti per sciarpe, borse e altre cosine interessanti! :-)

Vi ho già parlato degli Ebook che si trovano gratuitamente su Issuu.com in questo post.

Oggi vi propongo un’altra di queste utilissime perle del web, un ebook con schemi gratuiti per creare sciarpe e borse, ma nel quale trovere anche gli schemi per fare coprispalle, portamonete, cuscini, copertine, pantofole,  presine e qualche altra cosina…

Il link per visualizzare l’Ebook è questo, quindi dategli subito un’occhiata e se c’è qualcosa che vi interessa prendete lana ed uncinetto ed iniziate subito!

Buon divertimento! :-)

Il video…. col cappello :-)

Qualche giorno fa ho postato le foto di una mia creazione, “Angoscia col vento” un cappello di scena all’uncinetto, vi ricordate? Il post è questo.

Oggi, come promesso vi spiego perchè è un cappello di scena!

E’ stato realizzato appositamente per il video ufficiale  “Per I Vermi Siamo Tutti Uguali” di Carmelo Amenta, un artista e amico delle mie parti, lo conoscete?

Se si molto bene, mi fa piacere! :-)

Se invece non lo conoscete ve lo presento io! :-)

Signore e signori, ecco a voi Carmelo Amenta:

P.S. Potete vedere il mio cappello al minuto 1:10

Barefoot sandals come non li avete mai visti!

Certo che il tempo passa in fretta…  ed ora che la temperatura è cambiata, è arrivato settembre ed è ricominciata la scuola mi rendo conto d’aver rimandato un po’ troppo…

… si, rimandato a fotografare le mie creazioni fatte durante l’estate….

Ma sapete che vi dico?

Passi per le altre, ma questa, anche se l’estate è finita ve la voglio far vedere lo stesso! :-)

Infatti fra le varie creazioni che ho realizzato ultimamente ci sono anche i barefoot sandals, ovvero i cosiddetti “sandali scalzi”, o “sandali a piedi nudi”. Chi, come me, si diverte a creare con l’uncinetto e naviga molto su internet, sa di sicuro di cosa sto parlando. Per tutti gli altri i barefoot sandals sono delle decorazioni per piede/caviglia, che si possono indossare a piedi nudi, per esempio sulla spiaggia o a bordo piscina, oppure con un paio di scarpe adatte.

I sandali che indosso sul piede sinistro, nelle foto qui sopra sono perfetti e sembrano un tutt’uno con i barefoot sandals…. infatti le mie amiche quando li hanno visti per la prima volta pensavano che fossero un’unica cosa! ;-)

Oltre a fare i “modelli classici” con i laccetti, ovviamente parlo di miei modelli originali (copiare non fa per me, mi annoia) , ne ho realizzato anche un paio che di sicuro non avete mai visto!

Almeno io in rete non ne ho mai visti fatti così… infatti per tenerli su, invece dei laccetti ho messo il filo armonico, cioè quel particolare filo metallico a molla che mantiene la forma e che si usa per fare i braccialetti.

Curiosi? :-)

Ecco a voi  i miei “sandali scalzi” …. come non li avete mai visti prima

Che dite vi piacciono? ;-)

Li avete mai visti fatti così?

Io sono soddisfatta, soprattutto perchè sono una mia personalissima idea! :-)

E poi son comodissimi, più di quelli con i laccetti!!!

Ahhhhh…. quasi dimenticavo!!!!

I barefoot sandals si possono usare anche per decorare le mani, l’effetto è molto bello, perciò è sicuramente da provare! ;-)

Crochet itinerante 2: The big snake

Vi ho già accennato a crochet itinerante in questo articolo. A  fine post avevo scritto che era un’altra storia…

Bene eccola…  ve la racconto oggi attraverso le immagini, la storia di crochet itinerante :-)

La prima edizione è partita nel gennaio del 2011 ed è stata curata da  Simonetta Russotto e Rita Cavallaro. Ha visto fra le sue protagoniste niente di meno che, la grande Daina Taimina, inventrice dell’hyperbolic crochet! Ed il serpentone di questa seconda edizione (ideato da Simonetta Russotto) verrà donato proprio a lei!

Ecco l’evoluzione di “The big snake”.

Nelle immagini qui sotto trovate tutti i nomi di chi ha partecipato finora…

Bello the big snake, eh? ;-)

Ed ora ecco qualche foto della numero 7, :-) numero che fra l’altro mi piace molto!

Il mio contributo, che in questo momento è la coda, ma non sarà così per molto…

Mi è piaciuto molto lavorare al serpentone ed ho tentato attraverso fili, intrecci e colori, di rappresentare i passaggi di mano in mano che sta facendo “The big snake”…

Per realizzarlo, oltre ai classici uncinetti ho utilizzato anche un bellissimo ed enorme uncinettone ed un uncinetto a due punte che potete vedere nella foto qui accanto :-)

Ed ora altre foto di “The big snake”…


Se vuoi partecipare anche tu a crochet Itinerante 2 contatta Simonetta attraverso la pagina fb di crochet itinerante!

La cappellaia folle crea “Angoscia col vento”

Oggi vi parlo del mio grande amore, i cappelli! <3

Il mese scorso (si, ad agosto) ho seguito la mia ispirazione ed ho inizato a crochettare con la lana. Ho creato una dozzina di cappellini in lana, tutti modelli unici, da donna e lavorati con tecniche di uncinetto free form e iperbolico…. presto farò le foto…

… ma questo modello, molto particolare che non c’entra nulla con gli altri, visto che è un “cappello di scena”, ve lo voglio far vedere subito! :-)

La sua storia ve la racconterò appena sarà terminato il video…

curiosi?

Eh eh… dovrete aspettare… ;-)
Ma ora basta parlare…  ecco a voi la mia crea…tura:  “Angoscia col vento